Lingua Italiana
La parola di Silvia e Antonio - Alice Franchi Wedding Photography
Febbraio 17, 2016

La parola di Silvia e Antonio

Sono già passati due anni da quando abbiamo deciso di sposarci ricordo ancora l’emozione ma anche l’agitazione per i preparativi …..cercare la villa, il catering, i fiori, le bomboniere, l’abito …….e non per ultimo la scelta della fotografa.
Consigliati da un amica ci siamo rivolti ad Alice e vi garantisco ci è bastato parlarle cinque minuti per capire che era la persona giusta per noi.

Ci ha accolto con  la professionalità che la contraddistingue e’stata chiara nel mostrarci il suo modo di operare però lo ha fatto mettendoci a nostro agio ….insieme abbiamo visto alcuni dei suoi lavori ogni album era unico, sì UNICO perché rispecchiava la personalità di ogni coppia, per questo ognuno era diverso dall’altro come è giusto che sia a mio parere ma soprattutto, ciò che ci ha colpito e’ stata  la spontaneità degli scatti fatti senza posa, senza finzione con estrema naturalezza ed era esattamente ciò che volevamo.

Noi abbiamo scelto anche il servizio fotografico da fare prima del matrimonio (Engagement), per noi è stato di grande aiuto ci ha aiutato a combattere il nostro imbarazzo davanti all obbiettivo ……da subito è nata la giusta complicità e nonostante la nostra “goffaggine ” ne sono uscite delle foto splendide, ci ha fatto sentire speciali.

Alice Franchi wedding photography-27

Il giorno del matrimonio Alice e il suo collaboratore Cristian sono riusciti con la riservatezza che li caratterizza, a catturare istanti, dettagli che ci permettono oggi sfogliando il nostro di album di ricordare alla perfezione quel giorno e sono riusciti in questo senza mai essere entranti o impositivi ed è stato un aspetto che hanno apprezzato anche i nostri invitati.

Se una fotografa ti regala con i suoi scatti tante emozioni  non può che essere la fotografa giusta e per noi lo è stata e questa nn è una frase fatta ma è la pura verità e’ veramente una grande professionista brava Alice!

Silvia e Antonio

Guarda la nostra storia

SalvaSalva